Come scegliere un materasso

materasso quale scegliere
Ho scritto diversi articoli sui materassi. Ho più volte parlato dei vantaggi e gli svantaggi di ciascuna delle loro varie tipologie, dei benefici che i vari supporti hanno per la salute e dei rischi di alcuni materiali con cui sono fatti.
Se non  avessi assolutamente familiarità con queste tematiche, considerato che, alla fin fine, sei tu che  devi «tirare le somme » e scegliere il  tuo materasso, troppe informazioni e tanti articoli  focalizzati solo su alcune caratteristiche o categorie dei materassi, potrebbero non esse facili da digerire. Materasso a molle tradizionali o a molle insacchettate, materasso in lattice, materasso in memory foam, materasso in poliuretano: come scegliere un materasso?
Credo che prima di fare definitivamente la tua scelta, potrebbe  esserti utile avere qualche delucidazione- inserita nel contesto dell’intero settore – sulle caratteristiche tecniche che, nel 2017, dovrebbe avere un buon materasso. Se lo desideri e se mi segui per qualche minuto, ti posso aiutare. Ecco alcune regole-chiave sul come scegliere un materasso in base alle varie esigenze, a gusti e budget differenti. Seguile con attenzione ed eviterai di acquistare prodotti tecnologicamente obsoleti, o poco convenienti in rapporto a quelle che sono le tue necessità.
Prima di entrare nel merito delle questioni più tecniche, però, devi fare alcune scelte fondamentali: quella sulle dimensioni del materasso di cui ai bisogno, e quella riguardante la cifra massima  che intendi spendere.
Dimensioni. Quanto a dimensioni materassi, tieni presente che, a grandi linee, ci sono dei materassi:

  • singoli (o materassi a una piazza), materassi aventi solitamente le dimensioni  di 80×190 centimetri oppure di 160×200 centimetri;
  • ad una piazza e mezza, ovvero i materassi aventi le dimensioni di 120×190 ed di 120×200 centimetri (sopratutto, ma anche con dimensioni intermedie);
  • alla francese (detti anche queen bed) i quali misurano 140×190 oppure 140×200 centimetri; 
  • matrimoniali (o materassi a due piazze), materassi  soprattutto con le dimensioni di 160×190 centimetri e materassi con le dimensioni di 160×200 centimetri.

Ho detto a grandi linee – perché questi sono i modelli più diffusi sul mercato, ma puoi benissimo trovare anche dimensioni intermedie (ma io non riuscirei a comprendere per quale ragione tu dovresti andare a cercare delle misure intermedie). Sempre quanto a dimensioni, ricordati che il materasso si deve integrare in un sistema letto (composto dalla struttura-letto) che ha delle dimensioni vincolanti sia per quanto riguarda  le misure del materasso (o dei materassi) nonché delle lenzuola le quali, a loro volta devono uniformarsi alle misure del materasso (o dei materassi).
Prezzo. Per quanto attiene al prezzo di un materasso, ricordati che questo dipende dalla sua tipologia, dalle sue misure (appena esaminate), dal suo spessore e da numerosi altri fattori tra cui la sua marca,  il suo tipo lavorazione, il tipo di fodera utilizzato, le certificazioni, ecc. ;   comunque, in genere un materasso matrimoniale costa meno della metà di due singoli. I prezzi di ogni singolo materasso sono molto variabili, e vanno da qualche decina di euro a qualche migliaia di euro.  In questo articolo ti illustro alcuni tipi materassi, suddivisi per ogni fascia di pezzo.
Una volta stabilito il tuo budget e la dimensione del materasso da acquistare, puoi passare alla scelta del tuo nuovo materasso analizzando bene le  sue caratteristiche tecniche.

Materassi a molle, a schiuma, oppure ad aria

Come scegliere un materasso
foto: flickr/mah_japan
Uno dei primi dubbi che potrebbe venirti in mente passeggiando in un negozio ddi arredamenti o sfogliando un volantino pubblicitario é: meglio un materasso a molle o un materasso in schiuma? Secondo me, la risposta non può essere netta, perché dipende da molti fattori. A differenza di altri accessori per la casa, la scelta del materasso è una scelta che va messa in relazione alla persona o alle persone che dovranno utilizzarlo, al loro stato di salute ed all’ambiente  dove dovrà essere posizionato.
Prendiamo quindi in considerazione le varie tipologie di materassi.

il materasso a molle

Materassi a molle tradizionali –  Se cerchi una soluzione accessibile, economica e senza fronzoli, un materasso a molle tradizionali, è il materasso che puoi  opportunamente prendere in considerazione. Tuttavia, poiché quando ti muovi nel letto, le molle tradizionali tendono a muoversi quasi fossero «in concerto», se dormi con un’altra persona, questa potrebbe essere disturbata dal tuo movimento. E viceversa.
Materassi a molle insacchettate – A differenza dei materassi a molle tradizionali, nei materassi a molle insacchettate, ogni singola molla é «insacchettata» in  cilindri di tessuto, al fine di rendere il movimento di ogni  molla quanto più indipendente dalle altre. Tante più sono le molle  singole, e tanto migliorare sarà la risposta del materasso al peso del tuo corpo ed ai movimenti che farai stando a letto. Per contro, più molle ci sono, più alto è il prezzo del materasso.
A differenza di quanto avviene nei materassi in schiuma, i materassi a molle trattengono pochissimo, o per nulla, il calore e sono quindi ideali per i mesi estivi. In virtù della loro struttura interna, i materassi a molle sono anche molto areati, trattengono poco l’umidità e non rappresentano l’ambiente ideale per la propagazione degli acari.

il materasso in schiuma

Materassi in memory foam – A differenza dei materassi a molle, i materassi in schiuma si modellano leggermente sulla forma del tuo corpo. Questo li rende impareggiabili, secondo molti, scomodi per altri. Chi non ama questi materassi, di solito, fa queste obiezioni: -rendono leggermente difficile girarsi nel letto -trattengono il calore corporeo -inizialmente odorano di plastica. I materassi memory foam sono sempre multistrato, perché il memory foam da solo non è sufficiente offrire il giusto supporto a tutto il corpo, e perché  si tratta di un materiale relativamente costoso: troviamo quindi combinazioni di memory foam + poliuretano;  e di memory foam + molle. Quando scegliete un materasso memory foam dovete sempre porre attenzione a due sue caratteristiche: la sua densità e lo spessore del memory foam.
Materassi in poliuretano (o waterfoam). Sono materassi sintetici, prodotti per colata o stampaggio. Si posizionano nella fascia medio-bassa del mercato.
Materassi in lattice  – Col materass0 in lattice è come con la matematica, per capire di cosa si sta parlando è necessario aver ben chiari alcun i concetti.
Si definiscono materassi 100% lattice quei materassi  che sono composti da un’anima unicamente costituia in lattine,  dello spessore di almeno 10 centimetri
Si definiscono materassi  lattice quei materassi costituiti da più materiali sovrapposti di cui almeno uno strato (spesso almeno 10 centimetri che rappresenti almeno il 60% dello spessore del materasso) è in lattice.
I materassi in lattice di origine vegetale, ovvero quei materassi la cui anima è composta almeno per l’85% di lattice naturale. Sono il fiore all’occhiello dei materassi in lattice.
Queste definizioni sono quelle di una circolare del Ministero delle attività produttive: per maggiori dettagli ti invito a leggere questo articolo.
Da quanto appena detto comprendi come di sia un’ampia gamma di materassi in lattice, dai prodotti economici e tecnologicamente “poveri” a prodotti naturali di alta gamma. In genere, naturali o no, i materassi in schiuma di lattice sono molto diversi da quelli in memory forma: sono meno viscosi e, d’estate «meno caldi» rispetto ai  materassi in memory foam. In molti ritengono che i materassi in lattice natuale siano il non plus ultra dei materassi.

il materasso ad aria (materasso gonfiabile)

I materassi ad aria sono dei materassi realizzati generalmente in PVC, ma ci sono anche dei materassi ad aria gonfiabili realizzati con materiali proprietari, come il Dura-Beam® della Intex. La superfice superiore di un materasso ad aria è, di solito, rivestita con un materiale floccato.
Esistono diversi tipi di materassi ad aria, con diverse altezze, dimensioni e qualità. In generale posso dire, che il livello di comfort che i materassi ad aria sono in grado di garantire è sempre più paragonabile a quello dei materassi tradizionali. Ma non solo questo: alcune persone sofferenti di mal di schiena, preferiscono il letto gonfiabile perché la sua rigidità può essere regolata a piacimento, semplicemente variando la pressione dell’aria in esso contenuta.

Spero che questa guida su come scegliere un materasso ti sia stata utile e che i minuti spesi nella lettura possano essere il preambolo per un’acquisto ottimale per le tue esigenze.

Disponibilità e prezzo aggiornati al: 2019-02-16 at 18:37

Hai appena letto: Torna alla pagina principale