Alcune cose utili per chi dorme a pancia in giù

- Pubblicato da: Author: BFC | 4 min (tempo di lettura)

In questo articolo parleremo dei vantaggi e degli svantaggi che comporta il fatto di dormire a pancia in giù ed illustreremo alcuni accorgimenti per ridurre i secondi.

dormire-a-pancia-in-giu
  1. Dormire a pancia in giù ha un unico vantaggio
  2. Dormire a pancia in giù ha diversi svantaggi
  3. Come cercare di cambiare posizione
  4. Materassi per chi dorme a pancia in giù

Il dormire a pancia in giù ha un solo vantaggio

Rispetto al dormire in posizione supina (a pancia in su) il fatto di dormire in posizione prona, ovvero a pancia in giù, ha un solo vantaggio: può ridurre i rischi di russare e quelli di apnee notturne.

Dormire a pancia in giù ha diversi svantaggi

Dormire a pancia in giù non consente alla nostra colonna vertebrale di mantenere la sua posizione naturale è questo disallineamento può causarci dolori alla schiena, al collo, alle articolazioni e alle spalle.

Il fatto di dormire sulla pancia può anche esacerbare i dolori che già hanno le persone con problemi alla parte bassa della schiena e le donne incinte.

In assenza di un perfetto allineamento del nostro corpo tra i suoi estremi posturali, la colonna vertebrale è soggetta ad eccessive tensioni e stress.

Uno stress spinale può portare dolori ed intorpidimenti in diverse parti del corpo. Si possono avere rigidità muscolari, dolori alla schiena, al collo o alle articolazioni.

Dal momento che la maggior parte del nostro peso corporeo è concentrato nella sua sezione centrale – il bacino tanto per intenderci – quando noi ci distendiamo sulla pancia provochiamo un affondamento del materasso portando la colonna vertebrale al di fuori dalla “posizione neutra” ed aumentando in tal modo lo stress nei muscoli circostanti.

La rigidità muscolare è un problema comune a chi soffre di lombalgia. Se hai già mal di schiena, dormire a pancia in giù intensifica il dolore.

Dormire a pancia in giù può causarci anche dolori alle spalle e problemi al collo.

Inoltre, a meno che chi dorme a pancia in giù non tenga la testa girata sul lato sinistro o destro, respirare addormentati sullo stomaco è piuttosto difficile. Inoltre girare la testa di lato mentre si dorme a pancia in giù provoca una torsione del collo con conseguenti dolori al collo ed alle spalle.

Non solo. Mantenere la testa ruotata rispetto alla posizione frontale disturba anche l’allineamento della testa e della colonna vertebrale, con ciò aumentando il rischio di un’ernia del disco.

Durante la gravidanza una donna è spesso soggetta al mal di schiena a causa dei cambiamenti ormonali. La posizione sulla pancia aumenta questo dolore. Nelle fasi di una gravidanza avanzata è difficile dormire a pancia in giù, ma anche nelle prime fasi è meglio evitare questa posizione. Il maggior peso intorno alla regione dell’addome aumenta la trazione sulla colonna vertebrale, aggravando il dolore esistente.

Diversi studi medici paiono indicare che la migliore posizione del sonno per le future mamme, di norma sia quella sul lato sinistro: questa favorisce il flusso sanguigno, aumentando i livelli di ossigeno sia per la mamma che per il bambino. Inoltre, dormire sul fianco lascia più spazio per la crescita del feto.

Cambiare la posizione nel sonno

Il modo migliore per evitare i potenziali rischi legati al fatto di dormire sullo stomaco è di abituarsi a dormire in posizione supina (a pancia in su) oppure sui fianchi assumendo magari la classica posizione fetale con gli arti inferiori in flessione.

La più salutare posizione del sonno è quella sul fianco. Riduce le possibilità di russare, di soffrire di apnea notturna e anche di avere reflusso acido. A volte può causare un dolore all’anca e alla spalla perché queste regioni sopportano il peso del corpo, ma un materasso medio-morbido o morbido può aiutare a ridurre od a prevenire il dolore alle spalle.

Per cambiare l’abitudine a dormire sulla pancia, inizia posizionandoti su di un fianco ogni volta che ti sdrai per riposare.

Se dormi con un partner, chiedigli di darti una gomitata se ti vede dormire a pancia in giù.

A poco a poco, prenderai l’abitudine di dormire sul fianco per tutta la notte.

A volte abbracciare un cuscino mentre si dorme di lato o di schiena aiuta ad evitare la posizione di sonno dello stomaco.

Se nonostante questi consigli non riesci a cambiare posizione del sonno:

  • Prova con un materasso più rigido per evitare sprofondamenti sotto l’addome (tra i materassi più rigidi che abbiamo testato con successo, ti consigliamo di dare un occhiata all’ Emma One e al Sogno d’argento).
  • Evita di usare il cuscino o usa un cuscino sottile: più sottile è il cuscino, minore sarà l’angolo che si forma tra l’asse del collo e quello del cranio (dai un occhiata a questo cuscino, con spessore personalizzabile).
  • Metti un cuscino sotto il tuo bacino per ridurre la possibilità che questo sprofondi nel materasso e ti porti ad assumere una posizione innaturale per la tua spina dorsale.
  • Al mattino dai dello stretching: gli allungamenti aiutano la colonna vertebrale a mantenere o a ritrovare la sua posizione neutra e rafforzano anche i muscoli che la circondano.
uomo che dorme a pancia in giù

Materassi per chi dorme a pancia in giù

Le persone che dormono nello stomaco hanno bisogno di un materasso rigido?

Sì, chi dorme a pancia in giù ha bisogno di un materasso più rigido in modo da prevenire l’affondamento dell’addome.

Un buon materasso per chi dorme nello stomaco dà più sostegno ed aiuta ad evitare le possibilità di disallineamento della colonna vertebrale, disallineamento che causa dolori alla schiena, al collo e alle spalle che porta a dormire poco.

Altri lettori hanno trovato interessanti i seguenti articoli


***

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Per saperne di più...