Pubblicità

L’insonnia potrebbe avere una componente genetica: i risultati di uno studio

- Pubblicato da: Author: BFC | 3 min (tempo di lettura)

Hai problemi a dormire la notte? Se hai provato inutilmente di tutto per risolverli, potrebbe trattarsi anche di un problema che sta al di fuori del tuo controllo. Attraverso la genomica oggi siamo in grado di individuare i geni e le relative mutazioni che possono incidere anche su questo disturbo.

geni
Due parole sull’insonnia

Due parole sull’insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno che è caratterizzato dalla costante incapacità di addormentarsi o di dormire bene di notte. Si pensa che in tutto il mondo colpisca dal 10 al 20% delle persone.

I suoi sintomi più comuni sono:

  • la difficoltà ad addormentarsi,
  • la difficoltà a dormire,
  • lo svegliarsi troppo presto,
  • la stanchezza e la carenza di energia,
  • irritabilità durante il giorno.

Pubblicità

Uno studio sul problema dormire

I risultati di un recente studio sul problema (non) dormire di notte

Una recente ricerca della University of Exeter Medical School guidata dalla genetista Richa Saxena e del Massachusetts General Hospital ha identificato 57 regioni (locus genici: la posizione di un gene all’interno di un cromosoma) che sono associate all’insonnia, e che comprendono 236 geni.

Per cui la nostra stessa genetica potrebbe essere la causa della nostra insonnia. Si tratta di un risultato che si discosta da quella scuola di pensiero che collega l’insonnia agli stili di vita o ad alcuni fattori psicologici come lo stress o la depressione.

Questa ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Genetics, ha analizzato i dati esistenti nel database UK Biobank relativi ad oltre 450.000 genomi. I risultati indicano che i disturbi del sonno possono essere “scritti” nei nostri geni.

“I nostri risultati confermano un ruolo della genetica nei sintomi dell’insonnia e si espandono sui quattro loci genici precedentemente trovati per questa condizione”, ha detto l’autore principale Jacqueline M. Lane. “Tutte queste regioni identificate ci aiutano a capire perché alcune persone soffrono di insonnia, quali percorsi e sistemi sono interessati e indicano possibili nuovi obiettivi terapeutici.”

Nello stesso studio, gli scienziati hanno riscontrato l’esistenza di elementi che, oltre a collegare l’insonnia ai sintomi della depressione, dimostrano come questa possa comportare un rischio quasi raddoppiato di malattie coronariche.

“L’insonnia ha un impatto davvero significativo su milioni di persone in tutto il mondo”, ha affermato Samuel Jones dell’Università di Exeter, anch’egli coinvolto in questa ricerca. ‘Sappiamo da tempo che esiste un legame tra insonnia e malattie croniche. Ora i nostri risultati suggeriscono che la depressione e le malattie cardiache sono in realtà il risultato di insonnia persistente “.

Questi scienziati hanno anche trovato che c’è una significativa sovrapposizione tra i geni implicati nell’insonnia e quelli relativi ai tratti psichiatrici e metabolici: parrebbe infatti che l’insonnia sia fortemente correlata,

  • ai disturbi neuro-psichiatrici,
  • alla regolazione dell’umore,
  • alla malattia coronarica
  • e al diabete di tipo 2.

Pubblicità

Per approfondire


***

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Per saperne di più...
Questo sito si basa sul supporto dei lettori: quando comprate attraverso i link sul sito, potremo ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione. Parecchi prodotti che presentiamo sono acquistabili online su Amazon, ma non siamo in alcun modo collegati ad Amazon. Il prezzo finale di vendita può variare per motivi indipendenti da noi: verificalo sempre prima di concludere l'acquisto.