Materassi gonfiabili: guida all’utilizzo

Le qualità di un gonfiabile di cui tener conto

Quando analizzi le varie offerte di materassi gonfiabili dovresti valutare alcune loro qualità e caratteristiche. Vediamole insieme.

1- Comfort

Quando si tratta di dormire bene, la ricerca del comfort dovrebbe essere la tua priorità.

Come appena detto, pur senza trascurare i vincoli di spazio e di peso, la tua scelta dovrebbe ricadere su di un materasso il più largo e più spesso (alto) possibile.

Privilegia i materassi che hanno la superficie superiore floccata (oramai quasi tutti i materassi ne sono provvisti), e quelli che hanno una doppia camera d’aria.

2- Facilità di gonfiaggio / sgonfiaggio

Non sottovalutare l’importanza del sistema di gonfiaggio e di sgonfiaggio del materasso.

Se il materasso ti fa impazzire ogni qual volta lo devi gonfiare, di certo il tuo sonno non ne beneficerà. A nessuno piace avere problemi tecnici, tantomeno se si tratta di gonfiare un materasso.

Quindi anche per il gonfiaggio evita delle soluzioni «fai da te», e punta piuttosto su dei sistemi di qualità. Laddove è possibile prediligi materassi con la pompa incorporata.

3- Facilità con cui può essere riposto / trasportato

Se conti di utilizzare il materasso al di fuori delle quattro mura domestiche, il peso e la facilità di trasporto dovrebbero incidere sulla tua scelta del materasso.

Ricorda comunque che, a grandi linee, il peso del materasso è proporzionale al suo prezzo ed al comfort che ti può garantire.

4- Rumorosità

Chi a provato a dormire su di un materasso gonfiabile di vecchia generazione, probabilmente si ricorderà bene – quando ci si muoveva anche di pochi millimetri –  del rumore del materiale plastico con cui allora erano fatti.

Coi moderni materassi questo problema non sussiste, in quanto la loro superficie superiore (ed in alcuni casi anche la loro superficie inferiore) é ricoperta con materiale floccato.

5- Capacità di rimanere gonfio

Quello del materasso gonfiabile che perde pressione durante la notte, è l’incubo numero uno di ogni (potenziale) suo acquirente.

E’ più che giustificato: via via che continui a dormire un materasso che si sgonfia, porta il tuo corpo ad assumere una posizione sempre più scorretta.

Un materasso si può sgonfiare per vari motivi, alcuni dipendono da te, altri dal materasso.

Vediamo quali sono le principali cause:

  1. La temperatura dell’aria interna al materasso che diminuisce. Ciò potrebbe accadere (per esempio) perché la stanza in cui dormi di notte é troppo fredda ed hai gonfiato il materasso con aria più calda rispetto a quella della stanza. Dato che la temperatura interna del materasso tende ad uniformarsi a quella esterna, quando quella esterna é più bassa, anche quella interna al materasso si abbassa e, quindi, inevitabilmente questo si sgonfia perché, come ben sai, il volume dell’aria diminuisce con la diminuzione della temperatura.
  2. Il materasso è nuovo. E’ normale che un materasso gonfiabile si sgonfi leggermente al suo primo suo utilizzo. Se sei alle prese con un materasso nuovo, prima di coricarti ti consiglio di gonfiarlo bene, e di lasciare per qualche ora che la plastica con cui è realizzato si abitui alla pressione dell’aria. Se necessario, aggiungici un po’ di aria per compensare il movimento della plastica.
  3. Il materasso è bucato. Se perde aria perché è bucato, devi trovare il buco e ripararlo. Se si tratta di un foro e non di uno strappo, puoi ripararlo con un kit di riparazione che puoi acquistare anche online per pochi euro.
  4. Il materasso perde aria da qualche valvola o da una zona che non riesci ad identificare. In tal caso, non ti resta che cambiarlo o contattare il produttore per la sostituzione in garanzia.

6- Durata / Qualità

La qualità dei suoi materiali, delle sue cuciture ecc. , sono tutti elementi che concorrono a determinare la durata e la resistenza del materasso.

Valutare la qualità complessiva di un materasso gonfiabile non è sempre facile e, forse, il modo migliore di farlo è di leggere i commenti ed i feedback che si trovano si siti dove è possibile acquistare online i materassi.

7- Accessori

Quanto ad accessori, non lasciarti influenzare dalle “brillanti” caratteristiche che alcuni tipi di materassi ad aria offrono.

Quando si tratta cose speciali come i telecomandi od altro, devi considerare solo quelli che ti sono necessari.

Distingui quindi tra quelli che solo “suonano bene” e quelli che sono veramente funzionali e che userai spesso.

Materasso gonfiabile si sgonfia

L’utilizzo e la cura del materasso gonfiabile

Gli argomenti di cui tratteremo ora riguardano l’utilizzo del materasso gonfiabile.Ti saranno utili per sapere a cosa potrai andare incontro dopo l’acquisto.

Se, invece già ne possiedi uno, ancorché non troppo dettagliate ti potranno ugualmente servire.

1 – Pulizia

La maggior parte dei materassi gonfiabili sono in materiale plastico (principalmente PVC, o composti “proprietari”), con la parte superiore – quella che si trova a contatto con le lenzuola – ricoperta con una microfibra sintetica simile ad un tessuto scamosciato.

Per la normale pulizia sarà sufficiente passare la superficie del materasso con una semplice aspirapolvere ed eventualmente con un panno umido.

2) Lenzuola

E’ sempre opportuno utilizzare il materasso gonfiabile con delle lenzuola, anche se teoricamente i materassi gonfiabili possono essere utilizzati anche senza lenzuola.

Questa inappropriata modalità di utilizzo, viene favorita da molti messaggi pubblicitari che mostrano delle persone e delle famiglie comodamente sdraiate su materassi gonfiabili senza lenzuola sono volti ad evidenziare le forme, i colori e le caratteristiche del prodotto.

Per ovvie ragioni, fanno eccezione a questa regola i materassini gonfiabili per spiaggia e per il campeggio.

3) Macchie

Nel caso  siano presenti delle macchie, strofina le zona interessata con del sapone ed una spugna.

Se si tratta di macchie ostinate, lascia che il sapone agisca prima per qualche minuto.

Terminata l’operazione, risciacqua con cura e lascia che il materasso si asciughi naturalmente.

5) Materasso bucato

Se pensi che un materasso gonfiabile sia ad alto rischio di forature, ti sbagli. Non è proprio così.

In ogni caso, un materasso bucato può essere riparato con la stessa facilità con cui si ripara la gomma di una bicicletta. Esistono anche degli appositi kit per la riparazione del materassi gonfiabili.

5) Quando non lo utilizzi

Se il materasso gonfiabile non viene utilizzato per un lungo periodo, è bene riporlo in un luogo protetto e pulito.

Se, d’altra parte, lo usi ogni notte non è una buona idea quelle di sgonfiarlo e di rigonfiarlo ad ogni utilizzo.

6) Allergie

Chi soffre di allergie, agli acari o ad alcuni componenti dei materassi tradizionali in schiuma, nel materasso gonfiabile potrebbe trovare un ottimo alleato

In questo caso, se intendi utilizzare regolarmente un materasso gonfiabile ti consiglio di optare per modelli realizzati con dei materiali che non rilascino sempre dei composti organici volatili (COV).

7) Non saltarci sopra

Per quanto possano essere invitanti, i materassi gonfiabili non dovrebbero mai essere utilizzati per giocarci sopra.

E questo vale anche per i bambini. Non c’è il rischio che scoppino come molti temono, ma piuttosto che le loro cuciture cedano e, di conseguenza potrebbero poi incominciare a perdere pian piano dell’aria.

8) Niente animali domestici

Anche se è raro che ciò possa accadere, le unghie dei nostri amici a quattro zampe potrebbero forare un materasso gonfiabile.

9)  Bambini piccoli

I bambini piccoli non dovrebbero essere lasciati soli sui materassi gonfiabili, specialmente quelli più piccoli.

In passato si sono verificati casi di soffocamento. In ogni caso segui le indicazioni riportate nel manuale di uso e manutenzione del costruttore.