Pubblicità

Come smettere di pensare a letto

- Pubblicato da: Author: BFC | 5 min (tempo di lettura)

Non riesci a dormire perché a letto cominci a pensare, e questo ti tiene sveglio per parecchie ore?
Ecco quattro semplici accorgimenti per evitare di far lavorare troppo la tua mente ed avere un sonno tranquillo e ristoratore.

pensare di notte
  1. Il problema pensare a letto
  2. Le sue cause
  3. 4 modi per non pensare

Il problema pensare a letto

A tutti noi capita di passare delle notti in cui non riusciamo proprio spegnere il nostro cervello.

Notti in cui ci frullano in testa pensieri ansiogeni, ragionamenti complessi o problemi irrisolti¬†che finiscono inevitabilmente per rendere difficile il nostro addormentamento.¬† E intanto le ore passano: sul comodino la sveglia segna l’una del mattino, poi le due, poi le tre… Solo all’alba, quando ormai √® l’ora di svegliarci la mente ci d√† tregua e riusciamo finalmente ad addormentarci.

Ma qual è la causa di questa eccessiva tendenza a pensare che ci impedisce il sonno di cui abbiamo bisogno dopo una dura giornata di lavoro?

Pubblicità

Le cause del rimuginare pensieri quando andiamo a dormire

Le cause principali del pensare o del continuare a pensare anche quando andiamo a dormire sono dovute principalmente a due ragioni.

1- Ai troppi pensieri che spesso ci assalgono: pensieri legati (sopratutto) al fatto che il nostro cervello elabora ciò che accade nel corso della giornata.

Il nostro cervello si focalizza su ciò che ci è successo nelle dodici ore precedenti quando veniamo spesso bombardati da informazioni che non abbiamo il tempo di elaborare e di valutare. Poi, quando andiamo a dormire siamo indotti a dare un senso a quanto ci è accaduto, ed appena ci stendiamo sul materasso questo nostro vissuto prende il sopravvento: una tormenta improvvisa in cui emergono tutte le cose che avremmo dovuto, o non dovuto fare.

2- Un altra causa del continuo lavorio della mente quando siamo a letto, √® il massiccio utilizzo dei dispositivi elettronici che invadono la nostra vita dalla mattina alla sera: anche questo tipo di “surriscaldamento” pu√≤ contribuire alla nostra incapacit√† di addormentarci normalmente.

Infatti, i telefoni, gli smartphone ed i tablet in particolare, ci mantengono pi√Ļ vigili e pi√Ļ attenti nel corso di tutta la giornata quando siamo impegnati a risolvere problemi, a prendere decisioni, a “processare” informazioni. Sono stress che noi ci portiamo appresso anche in camera da letto.

Pubblicità

Quattro modi per non pensare di notte, quando siamo a letto

Ecco quattro ¬†“aiuti a portata di mano” nel caso non dovessimo riuscire a “spegnere la tua testa” e dovessimo faticare ad addormentarci, oppure nel caso ci svegliassimo spesso¬†di notte con pensieri negativi o persistenti.

1. Prendiamoci il ‚Äč‚Äčtempo che ci necessario per rilassarci

Essere in grado di dormire bene, dipende spesso dall’introduzione, nella nostra routine serale, di alcune piccole ma (piacevoli) variazioni ai nostri comportamenti abituali.

Per poterci rilassare √® infatti molto importante che – prima di andare a letto – creiamo un nostro proprio rituale che duri almeno un’ora. Questo “rituale pre-letto” dev’essere messo in atto con regolarit√†: l’uomo √® una creatura che vive di abitudini in quanto le associazioni, le ripetizioni, e le¬†routines¬†rappresentano delle¬†“guide”¬†per nostro cervello.

Tutti noi abbiamo bisogno di un periodo di decantazione per elaborare le cose che abbiamo fatto o vissuto (tanto per fare qualche esempio) nel corso di un allenamento in palestra oppure in ufficio. Ciò ci consente di attivare le onde cerebrali alfa (da 8 a 13 Hz) che ci portano alla calma ed al rilassamento: ma non ancora il sonno, sonno che però favoriscono. Prima di addormentarci possiamo sperimentare questo fatto anche quando siamo sul divano a guardare la TV o quando stiamo sdraiati a letto.

Se non dovessimo disporre di un’intera ora di tempo per rilassarci, possiamo dedicarci a fare (solamente) le cose che preferiamo: per me¬†consistono nel preparare una tisana, nell’accendere una candela, nello stare seduto e nel meditare.

2. Esprimiamo apertamente le nostre emozioni ed i nostri pensieri. Diamo un senso alla nostra vita.

a) Un altro ottimo modo per smettere di pensare (troppo) di notte √® di chattare con un partner, con un familiare o con un amico. Si tratta di uno dei consigli pi√Ļ convincenti: una comunicazione consapevole, un vero cuore-a-cuore, una conversazione e sincera, sono tutte cose utili al sonno. Non si tratta di spiegare “quello che ho fatto oggi” e neppure di cercare di risolvere problemi. Si tratta solo di parlare, di ascoltare, e di trovare qualcuno che ci ascolti.

Questa tecnica √® efficace. Non aiuta solo ad elaborare il vissuto della giornata trascorsa, ma √® anche utile a creare una relazione con qualcuno che ci permetta di sentirci pi√Ļ compresi e quindi anche pi√Ļ felici.

b) Tutti noi lavoriamo, spesso anche duramente. Quindi quando torniamo a casa stanchi non abbiamo sempre il tempo per considerare / apprezzare il motivo per cui stiamo realmente lavorando e perciò tendiamo a diventare negativi e rancorosi.

L’interconnessione attivit√† / scopo invece stimola il rilascio dell’ormone ossitocina, un ormone che pu√≤ essere definito come il collante indispensabile per¬†le nostre relazioni sociali che¬†attiva in noi anche uno stato di eccitazione, il che potrebbe anche portarci¬†ad avere un sesso di qualit√† il che potrebbe, a sua volta, migliorare il nostro sonno.

3. Scriviamo i nostri pensieri su un diario

Se non abbiamo nessuno con cui poter parlare, e se preferiamo scrivere piuttosto che conversare, proviamo a scrivere i nostri pensieri su un diario.

Eccoti alcuni consigli sul come tenere un diario che serva a liberare la nostra mente dai troppi pensieri.

  1. Se stai scrivendo qualcosa che riguardi una giornata negativa, oppure se ti trovi in una condizione negativa, cerca di valutare e di elaborare queste tue sensazioni attraverso la scrittura, ma cerca di concludere i tuoi scritti con toni ed intenzioni positive. Potrai in questo modo dire addio a quei pensieri negativi che avevi inizialmente.
  2. Non mettere questo tuo diario sul comodino, ma mettilo in un cassetto fuori della tua vista e lontano dalla tua mente. Se per te questo fatto funziona, continua a farlo.
  3. Potresti provare ad annotare su questo diario tre delle cose che ti sono andate bene durante il giorno, oppure annotare tre delle cose per cui sei grato a qualcuno od a qualcosa. Cose anche semplici: può trattarsi del tempo passato con il tuo bambino oppure del sole che ti colpisce per la prima volta al mattino.

4. Non dobbiamo evitare di pensare durante la giornata alle cose negative

E’ abbastanza comune che nel coso di una giornata cerchiamo di evitare di pensare alle cose o alle situazioni negative che fanno parte della nostra vita. Tuttavia a questo proposito dobbiamo sapere che i nostri disagi e i nostri pensieri notturni derivano spesso,

  • dalla nostra resistenza alle cose spiacevoli,
  • e dal nostro aggrapparci alle cose piacevoli,
  • dalla nostra paura di perdere qualcosa.

Dobbiamo perci√≤ tener presente che la chiave della felicit√† sta nel saper accettare la legge dell’impermanenza: “ogni cosa che ha la natura del sorgere ha anche la natura del cessare” (Buddha).

Quindi¬†sta nell’accettare sia il piacevole che lo spiacevole ¬†essendo consapevoli che tutto¬†passa.

Pubblicità

Per approfondire


***

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Per saperne di pi√Ļ...
Questo sito si basa sul supporto dei lettori: quando comprate attraverso i link sul sito, potremo ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione. Parecchi prodotti che presentiamo sono acquistabili online su Amazon, ma non siamo in alcun modo collegati ad Amazon. Il prezzo finale di vendita può variare per motivi indipendenti da noi: verificalo sempre prima di concludere l'acquisto.