Pubblicità

Topper, correttore per materassi

- Pubblicato da: Author: BFC | 3 min (tempo di lettura)

I correttori per materassi servono per poter ottenere da un "vecchio" materasso un confort maggiore.
Occorre a questo proposito tener conto non solo dei materiali con cui sono fatti, ma anche di alcune altre cose.
Ed è di queste che parleremo.

topper materasso
  1. Cos’è il topper: perchè utilizzarlo
  2. I vari materiali con cui sono fatti
  3. I criteri per la scelta di un topper
  4. Topper materasso VS il copri-materasso

Cos’è il topper e per quali ragioni lo si utilizza

Cos’è. Il topper è un sottile materassino imbottito: un “ulteriore” strato da mettere sopra il nostro “normale” materasso. ll suo spessore si aggira generalmente attorno ai 5/10 centimetri circa.

La parola topper deriva dal verbo inglese to top, ‘essere in cima, esser sopra’. In ltalia il topper è anche noto come materasso sottile o come correttore materasso.

A cosa serve. Serve a “dare una nuova vita” al suo vecchio materasso. Può esser utile a chi già possiede, un materasso tradizionale, uno a molle, uno in poliuretano, oppure uno in lattice.

Si tratta di un’ottima soluzione per chi vuole migliorare il proprio comfort senza dover necessariamente cambiare il suo “vecchio” materasso.

Grazie ad un topper infatti, spesso si possono migliorare o correggere alcune caratteristiche o alcuni difetti del proprio materasso senza la necessità di doverne acquistare uno nuovo.

Senza dubbio si tratta una soluzione che, in un primo momento, potrebbe sembrare una soluzione sub-ottimale, approssimativa. In verità è meno eccentrica di quanto non possa sembrare:

  • perché dopotutto i materassi di più recente fabbricazione sono realizzati con più strati sovrapposti;
  • perché i topper  non sono altro uno “strato” da aggiungere al materasso che già utilizziamo.

Infatti, un topper ci consente,

  • di aggiungere e togliere uno strato al nostro attuale materasso a seconda delle varie stagioni;
  • di migliorare il comfort di quello che abbiamo senza doverlo sostituire (e quindi senza doverlo anche smaltire);
  • di correggere per un po’ alcuni difetti o caratteristiche di quello che abbiamo;
  • di adattare alle nostre esigenze un letto che non è nostro, e che quindi non possiamo sostituire.

Da quanto (relativamente agli acquisti fatti online) abbiamo potuto osservare, tra i vari componenti del letto, negli ultimi 4-5 anni, i topper sono quelli maggiormente venduti: per rendersi conto del successo che hanno basta guardare il numero di recensioni che ricevono nei vari siti di vendita online (come Amazon.it).

I vari materiali con cui sono fatti

Quando si parla di topper materassi, in genere ci si riferisce ai topper in memory foam (ai quali noi abbiamo dedicato un approfondimento specifico). Ad ogni modo, in commercio si possono trovare,

  • dei topper in lattice, che si distinguono a loro volta in topper fatti con lattice sintetico, ed in topper fatti con lattice naturale;
  • dei topper in bambù o in rattan, si tratta di una soluzione “esotica” molto apprezzata nel sud est asiatico prima dell’avvento dell’aria condizionata;
  • dei topper in memory, una schiuma di poliuretano viscoso ed elastico;
  • dei topper in poliuretano, che è una schiuma sintetica simile a quella del memory foam, ma senza il suo “effetto memory”;
  • dei topper in lana; 
  • dei topper in piuma.

I criteri per la scelta di un topper materasso

Al momento della scelta di un topper, oltre che ai materiali con cui sono fatti, è importante prendere in considerazione,

  1. il loro spessore,
  2. e, nel caso dei topper in schiuma (in memory foam o in schiuma poliuretanica), anche della loro densità.

In linea generale, il maggior spessore di quelli in schiuma implica,

  1. un loro costo maggiore,
  2. una rigidità migliore,
  3. una maggiore durata.

Gli esperti suggeriscono i topper che sono spessi almeno 5 centimetri.

Lo stesso discorso vale per quanto riguarda la loro densità: più un topper materasso è denso, maggiore è il suo peso, maggiore la quantità di materiale in esso presente, e quindi maggiore anche il suo costo.

Topper materasso VS il copri-materasso: due prodotti diversi

Il topper materasso non dev’essere confuso col copri-materasso, il quale altro non è che una fodera, o comunque uno strato che serve per coprire il materasso sottostante allo scopo di proteggerlo dagli agenti esterni, dall’umidità, da acari, termiti, ecc.

Per meglio evidenziare le differenze tra i topper materassi ed i copri-materasso, abbiamo predisposto la tabella di raffronto che segue.

topper VS copri-materasso

topper

copri-materasso

COMFORTbuonoda scarso a sufficiente
PREZZOda medio ad altobasso
SPESSOREda medio ad altoda basso a medio
PROTEZIONE DEL MATERASSOda sufficiente a buonada buona ad eccellente

Da ricordare

Ascoltando le opinioni di diversi acquirenti di topper, abbiamo notato che le loro principali lamentele nascevano dalla confusione che facevano tra un copri-materasso ed un topper per materasso.

Pubblicità

Per approfondire


***

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Per saperne di più...
Questo sito si basa sul supporto dei lettori: quando comprate attraverso i link sul sito, potremo ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione. Parecchi prodotti che presentiamo sono acquistabili online su Amazon, ma non siamo in alcun modo collegati ad Amazon. Il prezzo finale di vendita può variare per motivi indipendenti da noi: verificalo sempre prima di concludere l'acquisto.