Materassi

I materassi naturali organici

In questo articolo ci occuperemo di materassi fatti con materiali naturali di origine vegetale, ed anche degli standard e delle certificazioni di qualità relative agli stessi materiali.

Il problema del dormire

Col passare gli anni ha imparato quanto sia importante dormire bene. Un sonno disturbato dalla tensione accumulata durante la giornata, o disturbato dalle luci e dai rumori che entrano in camera può avere degli effetti importanti sulla qualità della vita, sulle prestazioni lavorative ed anche su quelle sportive.

Un sonno disturbato che non consenta un sonno ristoratore potrebbe anche essere causato da un “cattivo” materasso.

Se consideri che ogni giorno, su ventiquattr’ore ne passiamo 7/9 dormendo, significa che nell’arco di un’anno trascorriamo a letto almeno 2.500 ore.

E’ di tutta evidenza che non sarebbe per nulla sensato, se tu dovessi pensare che queste 2.500 non siano molto importanti per la tua salute.

Se poi trascorri tutte queste ore stando disteso su di un materasso, beh, certamente vorrai saperne di più sul tuo materasso o su quello che ti appresti ad acquistare.

Nel caso tu fossi alla ricerca di un materasso naturale, è probabile che già tu sappia dei rischi che le sostanze chimiche contenute nei materassi sintetici possono comportare.

Ovviamente saprai anche che, tutti i materassi venduti in Italia, in particolare quelli prodotti da ditte italiane quindi anche quelli fatti con materiali sintetici, devono rispettare determinati standard qualitativi.

Ma saprai anche che alcuni prodotti sintetici un tempo considerati sicuri, ora non sono più tali.

Per queste ragioni è comprensibile la scelta di dare la preferenza ad un materasso fatto con prodotti organici ovvero con prodotti naturali, non fosse altro perché sono usati da migliaia di anni ed i loro effetti (positivi e negativi) sono ben noti.

Se hai la pazienza di seguirci possiamo esserti utile nella scelta.

I materassi naturali, cosa sono

Per prima cosa vogliamo premettere,

  1. che non parleremo di quelli fatti con materiali di origine animale, con la lana per esempio;
  2. che, per quanto attiene più specificamente a quelli fatti con materiali naturali, non esiste una definizione standard condivisa,
  3. che tuttavia ci sembra logico definire naturali quei materassi,
    • che non sono fatti con materiali sintetici o tossici;
    • che son fatti con materiali che non interferiscono con il campo magnetico naturale,
    • o che non amplificano i campi magnetici artificiali;
    • che sono in grado di dare un corretto supporto alle persone che ci stanno sopra;
    • che hanno una durata di almeno qualche anno.

Qui ci occuperemo di materassi  fatti con materiali naturali di origine vegetale. Da un punto di vista pratico li si possono distinguere in due grandi categorie.

  1. Materassi in lattice 100% di origine vegetale, cioè quei materassi la cui anima è composta da almeno l’85% di lattice il quale (è bene ricordare) è una resina di origine naturale che che viene estratta dalla pianta del caucciù; (questa definizione di materasso in lattice di origine vegetale, è conforme a quella data dalla Circolare 7 dicembre 2001 n. 684 del Ministero delle attività produttive).
  2. Materassi in schiuma di origine vegetale. 

E’ bene precisare che quando si parla di materassi occorre fare rifermento a prodotti che sono composti da più elementi: perlomeno dalla loro fodera e dalla loro imbottitura.

E’ chiaro che quando desideriamo un prodotto naturale, vogliamo che tutti i suoi componenti siano tali, dalla fodera all’imbottitura.


Materasso Visco Bio - Rivestimento Cottanic
Disponibile in diverse misure
€ 614.99

 

Parleremo ora di alcuni standard e delle certificazioni che hanno come oggetto la tossicità ed l’organicità dei materiali utilizzati nella produzione di questi manufatti.

Si tratta di standard largamente utilizzati nel campo della produzione di materassi ed in quello della produzione di tessuti tecnici.

La certificazione Oeko-Tex® Standard 100

L’Oeko-tex® Standard 100, è un sistema di controllo e di certificazione indipendente relativo a tutto il mondo tessile: dalle materie prime, dai semilavorati in tutte le fasi di lavorazione, ai prodotti finiti.

I controlli  previsti da questo standard  – i quali considerano sempre l’effettiva destinazione d’uso dell’articolo preso in esame – si fondano sul principio che, tanto più un prodotto rimane a contatto con la pelle delle persone (la più sensibile è quella dei bambini), tanto più restrittivi debbono essere i requisiti che questo prodotto deve possedere per non essere nocivo all’uomo.

Anche i test (considerata appunto la destinazione d’uso del prodotto che viene testato) relativamente alle sostanze nocive dei materiali tessili prevedono maggiori requisiti quanto maggiore è il loro contatto con la pelle.

A questo scopo questo standard distingue i prodotti in 4 classi.

  1. classe I –  Prodotti tessili e giocattoli in tessuto per bebè e bambini piccoli fino a tre anni: abbigliamento, giocattoli, biancheria per la culla/letto, articoli in spugna, ecc.;
  2. classe II – Prodotti tessili destinati ad essere utilizzati a contatto con la pelle: biancheria intima, biancheria per il letto, t-Shirt, ecc.;
  3. classe III – Prodotti tessili non destinati ad essere utilizzati a contatto con la pelle: giacche, cappotti, ecc.;
  4. classe IV – Materiali per l’arredamento: tende, tovaglie, tessuti per rivestimenti di pareti e pavimenti, ecc..

La prima classe è quella con i requisiti più elevati, quindi quella che attesta una maggiore sicurezza del prodotto.

A questo riguardo, occorre precisare che tutti i componenti di un prodotto debbono soddisfare i requisiti previsti, senza eccezioni.

Quindi, controlla se il materasso che stai acquistando sia certificato Oeko-tex® Standard 100.

EuroLatex ECO Standard

Quello dell’euroLatex  ECO è uno standard fissato dalla Eurolatex che è un’associazione fondata nel 1990 e che rappresenta tutti i principali produttori europei di materiali in schiuma di lattice per biancheria da letto e per l’industria del mobile imbottito.

Lo Standard euroLatex-ECO definisce – su basi rigorose – i limiti massimi accettabili delle sostanze nocive per salute e per l’ambiente.

La certificazione euroLATEX-ECO Standard è anche riconosciuta dalla Commissione europea come valida per l’ottenimento del marchio comunitario eco-label per i materassi.

Per avere ulteriori dettagli (in lingua inglese) su questo Standard clicca qui.

E’ sempre opportuno che controlli se il materasso in lattice che stai acquistando è certificato euroLATEX.

Le certificazioni Global Organic Textile Standard (GOTS) 

Le GOTS sono delle norme tecniche per la certificazione dei materiali tessili biologici fissate a livello internazionale da alcune tra le principali organizzazioni che si occupano dell’agricoltura biologica.

Secondo questo standard (cliccando qui trovi le linee guida per la certificazione), un prodotto tessile può essere definito e certificato come biologico se è composto da fibre naturali vegetali o animali biologiche, prodotte e certificate secondo i criteri dell’agricoltura biologica, e se è stato realizzato nel rispetto dei criteri ambientali e sociali definiti dal GOTS stessa.

Per concludere

Con questo breve articolo spero di averti dato qualche “dritta” sul come poter meglio inquadrare le principali questioni che si pongono relativamente al materasso naturale.

Se ora ti ritieni soddisfatto e vuoi procedere ad un acquisto,

Potresti essere interessato a:
Materassi

L'insonnia potrebbe avere essere legata alla genetica. I risultati di uno studio

Materassi

12 falsi miti da sfatare nella ricerca di un materasso

Materassi

Quanto dura un materasso; quando andrebbe sostituito

Materassi

I materassi a molle Bonnell: caratteristiche e guida alla scelta